politica

Jan Palach, martire della Libertà del popolo

Ricordiamo Jan Palach, il martire per la libertà del popolo
 
Esattamente 52 anni fa, il 16 gennaio 1969, il giovane Jan Palach si recava in piazza San Venceslao, al centro di Praga, dove cosparse il suo corpo di benzina e si diede fuoco con un accendino.
 

La tecnologia sta uccidendo la libertà di parola ?

La cancellazione/sospensione dei profili di Trump sui social network ci obbliga ad aprire una questione seria e delicata - non ha senso liquidarla dicendo che Trump è pericoloso (un atteggiamento troppo di parte..) - e che dovrebbe indignare o preoccupare ogni persona che vuole difendere la libertà e la democrazia. 
 
Se addirittura il presidente degli Stati Uniti è stato bloccato, allora i giganti web sono più importanti e forti della Politica e dello Stato ? E cos'è la democrazia ?

1° Maggio : Festa dei lavoratori ma senza lavoro

Il 1° maggio è la Festa dei lavoratori ma, ancor più degli anni precedenti, adesso c’è ben poco da festeggiare visto che il contagio del Covid-19 ha provocato non solo morte ma ha colpito il già martoriato mondo del lavoro. 
 
Il problema del lavoro è una questione antica ma con l’arrivo dell’euro, una classe politica da operetta, la crisi economica mondiale e gli assurdi rigori imposti dall'Unione Europea, il sistema italiano si è ulteriormente indebolito.

Le Donne Italiane conquistano il Diritto di Voto durante il Regno d'Italia

75 anni anni fa (30 gennaio 1945) le donne italiane conquistavano il diritto al voto quando l’Italia era ancora un Regno.
 
Il diritto al voto per le donne fu sancito il 30 gennaio 1945 quando la riunione del consiglio dei ministri si disse favorevole all’estensione alle donne del diritto al voto.

10 febbraio : Il Giorno per ricordare le Foibe e l'Esodo degli italiani

Il giorno 10 del mese di febbraio si celebra la giornata della memoria per le vittime delle foibe e dell'esodo degli istriani, fiumani e dalmati, istituita con la legge 92/2004 dello Stato italiano. 
 
Molti italiani che vivevono in quei territori furono costretti ad abbandonare le loro case, altri furono uccisi dai partigiani comunisti di Tito, alcuni dei quali addirittura gettati vivi nelle foibe, dove morirono dopo una lunga agonia. 

Napoli e Vittorio Emanuele III di Savoia

Il sindaco di Napoli De Magistris invece di cercare di risolvere i gravi problemi della città e di combattere la camorra, pensa a modificare la toponomastica della città.
 
Con l’assurda decisione di cancellare «via Vittorio Emanuele III» , il sindaco dimentica che Re Vittorio Emanuele III nacque proprio a Napoli, con il titolo di principe di Napoli, che nel 1946, Napoli votò per l'80% a favore della Monarchia, e la strage di via Medina, dove trovarono la morte molti giovani di fede monarchica.
 

La Romania è un paese civile che ha un futuro - l’Italia è un paese distrutto

Mentre la Romania non si vergogna del passato e anche le istituzioni repubblicane riconoscono la grandezza della Monarchia, in Italia si dimentica il passato e in particolare il regime repubblicano cerca di cancellare la Monarchia, nonostante sia stata Lei a far diventare gli italiani un Popolo ed una espressione geografica una Nazione.
 

Il declino dell'Italia : politica società e calcio

L’Italia non parteciperà ai Mondiali di Calcio 2018 che si svolgeranno in Russia nel prossimo giugno.
La delusione della eliminazione è grande, in Italia il calcio è molto popolare, senza dimenticare il fanatismo che alle volte è patologico.
Per questa disfatta calcistica non ha senso scaricare la colpa all’allenatore ed ai giocatori, ma si deve capire che è il risultato di un sistema calcistico che non funziona.
 

Pagine