Il principe Carlo e la duchessa Camilla, in visita di 11 giorni in Asia, sono a Singapore

Data: 
31 ott - 3 nov 2017

Il principe Carlo e sua moglie, la duchessa Camilla, sono arrivati a Singapore martedì, la prima tappa di un viaggio di 11 giorni per rafforzare i legami tra la Gran Bretagna e i Paesi asiatici.

Il principe Carlo, erede del trono britannico, aveva visitato per la prima volta Singapore nel 1979. Nel programma Carlo ha incontrato il primo ministro Lee Hsien Loong ed ha deposto una corona al Cenotafio che onora i soldati morti durante la Prima e la Seconda guerra mondiale.
 
"È un grande orgoglio vedere come Singapore è cresciuta nei decenni, così come la sua amicizia con il Regno Unito", ha detto Carlo al banchetto di stato ospitato dal presidente di Singapore Halimah Yacob.
 
Singapore era una colonia britannica e un importante porto commerciale. Migliaia di soldati provenienti da paesi come la Gran Bretagna, Australia e Nuova Zelanda sono morti quando le truppe giapponesi hanno attaccato la penisola malese all'inizio del 1942. Il 15 febbraio 1942, dopo una settimana di combattimento feroce, il Generale britannico  Arthur Ernest Percival si arrese a Singapore e le ostilità cessarono. Dopo la guerra gli inglesi tornarono, ma i locali avevano una spinto di indipendenza e Singapore è diventata indipendente nel 1965. 
 
L'erede al trono e la Duchessa di Cornovaglia hanno anche incontrato gli atleti che hanno preso parte alla staffetta per portare il "Queen's Baton" fino in Australia, dove si svolgerà la XXesima edizione dei Commonwealth Games, dal 4 al 15 aprile 2018.
Yip Pin Xiu, il para-atleta più decorato di Singapore che gareggia nel nuoto, ha avuto la possibilità di parlare con il principe Carlo, e dopo ha detto: "È fantastico che nel Baton ci sia il messaggio della Regina, che sta viaggiando in tutti i paesi del Commonwealth. È davvero speciale tenere qualcosa che è stato toccato dalla Regina". 
 
La coppia reale è rimasta in Malesia fino a  giovedì, per poi andare in Brunei e in India.
 
I media britannici hanno riferito che Carlo e Camilla avrebbero dovuto andare anche in Birmania, ma poi è stato escluso dall'itinerario, per l'esodo di massa di centinaia di migliaia di minoranze musulmane Rohingya, diventata una grande crisi umanitaria, ad anche per la pesante critica internazionale che ha subito il leader della Birmania Aung San Suu Kyi.